Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).







 


 


 




 


 


 



mercoledì 8 settembre 2010

IO VOTO PORTOBELLO SE.................





Luisa Concutelli ha scrittoalle 15.00 del 6 maggio 2009
Chi è Annalisa Gambino? vedo che i suoi amici sarebbero il soliti personaggi senza volto ... Che sia anche lei un clone del nostro simpatico amico? Ma quanti ne hai creati? Ah la fortuna di essere pensionati........




Pino Ciampolillo ha scritto
alle 8.47 del 7 maggio 2009
Gentilissima Luisa Ti chiedi chi è chi? HAI TUTTE LE RAGIONI PER CHIEDERTELO prima permettimi alcune precisazioni (veramente la scienza cognitiva le definisce posizioni mentali)
Dalla foto vedo che sei giovane e quindi si deve supporre un modo "nuovo" di ragionarsi di rapportarsi e senza pregiudizi (forse io sono abituato a non fidarmi mai delle etichette guardo sempre i contenuti, forse questo modo di procedere mi permette di vedere in maniera diversa la stessa etichetta considerata originariamente negativa). Prova per un attimo a "CRITICARE" il contenuto di ciò che viene detto, prova un pò ad immaginare ciò che il messaggio vuole trasmetterTi. A questo punto si è liberi e la legge della "COMUNICAZIONE" ti assolverà.
Il pensionato Pino Ciampolillo

n.b. affrettati a leggere le proteste di eminenti personaggi (rei di aver condiviso una battaglia di legalità) messi alla gogna da qualche personaggio che definire squallido è poco.


Luisa Concutelli ha scritto
alle 0.01 del 8 maggio 2009
Perdonami ma mi sembri un po' contorto.

Quello che vedo è che ti limiti ad insultare la famiglia Bologna e gli amici di Portobello, quindi pare proprio che tu sia ancora piuttosto amico della famiglia Rubino.

Domandina: ma non avevi riempito il cyberspazio delle fantomatiche minacce mafiose da te subite?

Pare che non ti "minacci" più nessuno.
Bene!
Peccato che parecchia gente sia stata abbindolata da dei giochetti. In tanto sono felice della tua ottima salute.

Seconda domandina: non è che vuoi fare dimenticare di volere fare chiudere la cementeria Italcementi? rovinando 300 famiglie!
Anche se mi pare strano che tu abbia promosso un ricorso per fare chiudere la fabbrica, ma che mi è stato detto, che tu stesso poi non hai firmato.
Scrupoli di coscienza?
A che punto è la vostra richiesta di chiusura immediata? perchè non ne parli più?




Pino Ciampolillo ha scritto
alle 0.35 di ieri
Ciao Luisa Concutelli La Tua mancata risposta ( mio messaggio) è un'ammisione di una Tuo ERRATO GIUDIZIO SULLA mia persona? ok passiamo a...
VORREI PARLARE DEL gruppo uniti CONTRO LA cementeria!
Conto centoventuno membri del Gruppo che ci definiamo CONTRO, tanti post tanta polemica e nessun accenno al problema della qualità dell'aria a Isola delle Femmine.
Siamo in piena campagna elettorale e a parole TUTTI scrivono sui loro programmi la parola Italcementi (francamente non capisco perchè).
L'impressione che se ne ricava che l'unica lista che si ritiene legittimata a parlare di Italcementi è la lista PORTOBELLO!
E' vero?
Se ciò risulta vero è necessario che gli esponenti della lista PORTOBELLO motivino ai Cittadini elettori a cui stanno chiedendo il voto, perchè si ritiene l'unica legittimata a parlare di Italcementi.
RESTIAMO IN ATTESA di RISPOSTE PERCHE' DA QUESTO PUO' DIPENDERE IL NOSTRO CONSENSO ALLA LISTA PORTOBELLO!


Luisa Concutelli ha scrittoalle 8.12
..."QUESTO PUO' DIPENDERE IL NOSTRO CONSENSO ALLA LISTA PORTOBELLO!" ohibò, Portobello potrà averti tra i suoi elettori? Ma questo è uno scoop!!!!!!!!!!



Pino Ciampolillo ha scrittoalle 15.40
Per Luisa Concutelli
Il 21 luglio 2008 13.41, un cittadino nonché ex amministratore isolano ed attualmente elettore di Portobello (come vedi siamo in tanti che vogliamo voltarLo oltre a Te) ha scritto:
Caro Pino,
con la presente sono ad esprimerti tutta la mia piena solidarietà relativamente agli episodi di cui sei stato vittima.
Purtroppo questa è una strana terra ove il concetto di giustizia e legalità coincide esattamente con la convenienza e l’interesse personale.
Ti invito a leggere l’articolo di Giorgio Bocca sull’ultimo numero dell’Espresso: la lucida analisi che questo “Vecchio Piemontese” redige sulla Sicilia e i Siciliani da una spiegazione dei mali del nostro tempo e della nostra terra.
Isola è oggi il paradigma e lo specchio di una terra senza speranza, vissuta solo da uomini piccoli alla ricerca di personali benefici che vengono di volta in volta erogati dal politico o dal mafioso di turno.
Nel rinnovarti ancora una volta la mia solidarietà e l’apprezzamento per il lavoro da te svolto, ti invito a non mollare.
Una abbraccio.


Gentilissima LUISA CONCUTELLI
A proposito delle ti “minacci” (potevi anche dire ti minacci da solo, credimi Te lo avrei permesso) Ti informo che il Presidente del Consiglio in una pubblica seduta del Consiglio Comunale a Isola delle Femmine ebbe a minacciare PUBBLICAMENTE il Consigliere Rubino reo di aver chiesto informazioni sulla lottizzazione La Paloma di cui è direttamente interessato.
Non oso ripetere ciò che pubblicamente è stato detto per rispetto della Tua persona e dei Cittadini Tutti.
Ma soprattutto per rispetto delle Istituzioni.
Concorderai senz'altro con me che i Cittadini che hanno Votato Il Presidente del Consiglio certamente non lo conoscevano sotto questa veste.

Cari Luisa Marcello Gaspare Giovanni Stefano Nino...............
Mi verrebbe facile come risposta alle cose sopra dette ma soprattutto alle cose volutamente sottaciute o ancor peggio alle cose a cui si vuole alludere.
Ma soprattutto permettetemi GENTILISSIMI signori è la Vostra Volgarità il disprezzo che Voi esprimete per l'altro che deve assolutamente e con TUTTI I MEZZI LEGALI DENUNCIATO E CONDANNATO:

dal Libro di Geremia 20,10-13.

Sentivo le insinuazioni di molti:
"Terrore all'intorno! Denunciatelo e lo denunceremo".
Tutti i miei amici spiavano la mia caduta:
"Forse si lascerà trarre in inganno, così noi prevarremo su di lui, ci prenderemo la nostra vendetta".
Ma il Signore è al mio fianco come un prode valoroso, per questo i miei persecutori cadranno e non potranno prevalere;
saranno molto confusi perché non riusciranno, la loro vergogna sarà eterna e incancellabile.
Signore degli eserciti, che provi il giusto e scruti il cuore e la mente, possa io vedere la tua vendetta su di essi; poiché a te ho affidato la mia causa!
Cantate inni al Signore, lodate il Signore, perché ha liberato la vita del povero dalle mani dei malfattori.


Siccome non sono un cattolico praticante non vorrei strumentalizzare ciò che pur condividendo non mi appartiene e quindi passiamo ai fatti che inmziamo a suddividerli succintamente per capitoli

Si Carissima Luisa hai fatto il Tuo scoop!Però non devi, carissima amica LUISA dimenticare le condizioni per cui io sono disposto a votare PORTOBELLO.
MI RIPETO IL MIO VOTO IN CAMBIO DI PUBBLICHE DICHIARAZIONI E DI NORME DI COMPORTAMENTO CORRISPONDENTI ALLE PROPRIE DICHIARAZIONI.
AD EVITARE EQUIVOCI VORREI MIEI CARI SIGNORI, ESSERE ANCORA PIU' ESPLICITO


FARE CIO' CHE SI DICE E DIRE CIO' CHE SI FA

LEGALITA'
A proposito delle ti “minacci” (potevi anche dire ti minacci da solo, credimi Te lo avrei permesso) Ti informo che il Presidente del Consiglio in una pubblica seduta del Consiglio Comunale ebbe a minacciare PUBBLICAMENTE il Consigliere Rubino reo di aver chiesto informazioni sulla lottizzazione La Paloma di cui è direttamente interessato.
Non oso ripetere ciò che pubblicamente è stato detto per rispetto nei Tuoi confronti e dei Cittadini Tutti.
Io penso che i Cittadini che hanno Votato Il Presidente del Consiglio certamente non lo conoscevano sotto questa veste.



TRASPARENZA
NEGLI ANNI PASSATI I CITTADINI HANNO AVANZATO DIVERSE RICHIESTE!
POSSONO I SIGNORI CANDIDATI INZIARE A RISPONDERE PER LE LORO COMPETENZE E RESPONSABILITA' ?

Al Comune di Isola delle Femmine
Sede Comunale
Isola delle Femmine

Alla Provincia Regionale di Palermo
Area Tutela Ambientale e difesa del Suolo
Via San Lorenzo,312 G

All’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente
Della Regione Sicilia
Via Ugo La Malfa,172
Palermo

e.p.c. Alla Procura della Repubblica
c/o Tribunale di Palermo
P.zza V.E. Orlando
Palermo





In riferimento alla nota del Comitato cittadino Isola Pulita aderente alla scrivente Associazione, si chiede di sapere quali determinazioni gli Enti in indirizzo hanno adottato a tutela della salute dei cittadini.
In specifico si fa riferimento, alla nota pervenuta al Comune di Isola delle Femmine, assunta al protocollo in data 08/05/07 n°5314, nella quale la Direzione Controllo e prevenzione Ambientale della Provincia di Palermo chiedeva all’Amministrazione Comunale di Isola delle Femmine di specificare la destinazione d’uso del sito precedentemente monitorato. Tale richiesta rappresenta condizio sine qua non, per poter determinare le dovute strategie, in applicazione della normativa vigente, essendo in presenza di aree destinate presumibilmente a verde pubblico.
Si rappresenta altresì, come già comunicato dalla Provincia Regionale di Palermo, con i report relativi alla campagna di rilevamento della qualità dell’aria nel periodo 7 agosto-5 ottobre e 26 ottobre-10 gennaio 2007 che le polveri atmosferiche , frazione respirabile PM10, hanno raggiunto frequentemente una concentrazione superiore al valore stabilito dalla normativa vigente, rappresentando un serio pericolo per la salute umana.
Si fa presente altresì che a partire da data imprecisata, ma con certezza sin dal 12/12/05 come riscontrato dal verbale n°9944173 di sopralluogo, la ditta introduceva quale combustibile senza la necessaria autorizzazione, carbone di natura sintetica sotto prodotto finale della distillazione petrolifera con un probabile numento del rischio sanitario connesso all’emissione e successivo trasporto ed inalazione delle polveri di frazione respirabile. Inoltre tale utilizzo ha comportato che la ditta si auto denunciasse per inquinamento del suolo per il deposito effettuato in contrada Raffo Rosso.
Recenti studi e letteratura sanitaria, riportate dalla OMS e dal Ministero della Sanità, riscontrano che ad aumenti di polveri respirabili si presentano aumenti di patologie sanitarie significative. Considerando che già antecedentemente agli anni 2000 sino al 2003 sono state approvate lottizzazioni (lottizzazione Lo Bianco) nelle aree limitrofe all’insediamento produttivo e conseguenzialmente sono state rilasciate regolari concessioni edilizie, si chiede all’Amministrazione Comunale di determinarsi in rispetto della normativa vigente , a tutela della salute pubblica, nonché alla Provincia Regionale di Palermo ed all’ARTA di intervenire in rispetto dei vincoli e della legislazione avviando una ulteriore campagna di monitoraggio atta a determinare i limiti di emissione in atmosfera in presenza di insediamenti abitativi in perimetro urbano.

Palermo, lì 5/06/07


Legambiente Palermo


Isola delle Femmine 07.06.2007 prot. 6405
PROTOCOLLO 7926 DEL 12.6.06





ESPOSTO DENUNCIA PER INQUINAMENTO AMBIENTALE DEL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA



Signor Sindaco del Comune Capaci –sede (15.5.07 prot Capaci 8617)

Signor Sindaco del Comune Isola delle Femmine –sede fax 0918677098 (prot5608 15.5.07)

Asserrorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Territorio e Ambiente -Serv.2-V.A.S. e V.I.A.
(email 15.5.07 splinder prot 36371 16.5.07)

Serv. 3-Tutela Inquinamento Atmosferico
(email 15.5.07 splinder prot 36371 16.5.07)
(email 15.5.07 splinder prot 36371 16.5.07)
Servizio 8 Tutela Acustica e Vibrazioni Dr Castiglia Giuseppe
http://www.blogger.com/gcastiglia@artasicilia.it via Ugo la Malfa n. 169 - 90146 Palermo
(prot.36371 16.5.07)

Procura della Repubblica dott.ssa Contrafatto p.p. n. 3076/2005 mod. 4
Piazza Vittorio Emanuele Orlando
90100 Palermo Fax 091/327736
r.r. 13047374751-7 18.5.07

A.U.S.L. n. 6 Settore Igiene e SanitàPubblica
via Siracusa n. 45 90139 Palermo
Tel 091 6257399 fax 091 340861
r.r. 13047374752-8 18.05.07

Comando carabinieri Palermo Nucleo Operativo Ecologico c.a. Maresciallo Sapuppo
Via Resuttana 360 90146 Palermo fax 0915125142
r.r.13047374753-9 18.05.07

Dipartimento Provinciale Provincia Regionale c.a. d.ssa Sarzana Palermo Fax 0916628389

Provincia Regionale c.a. d.ssa Pecoraro Palermo Fax 0916628389

A.R.P.A. Sicilia Dott. V. Ruvolo Dipartimento Provinciale Palermo Fax 0917033345 Tel 0917033519-18

Comando carabinieri Palermo Nucleo Operativo Ecologico c.a. Maresciallo Sapuppo Via Resuttana 360 90146 Palermo fax 0915125142

D.A.P. di Palermo Via Nairobi 4 Palermo fax 0917033345


OGGETTO: esposto denuncia inquinamento ambientale


Il Comitato Cittadino Isola Pulita comunica, di ricevere in un continuo crescendo decine e decine di telefonate da parte dei cittadini allarmati per lo stato di inquinamento, causato forse dalla Italcementi di Isola delle Femmine .
Questo Comitato oltre a farsi carico di quanto i Cittadini denunciano, hanno rivolto l'invito a farsi sentire con il Sindaco, l'Assessore preposto, Arpa, Azienda Sanitaria e Autorità Giudiziaria.
Il fenomeno delle vibrazioni, dei rumori e polvere di cemento che, quotidianamente si deposita su terrazze, piante, lenzuola, automobili e qualsiasi cosa resti all’esterno, non è mai scomparso, ANZI in questi giorni è ripreso con forte vigore, causando sull’intero territorio una fitta ed impenetrabile nebbia, la impossibilità in particolare per gli abitanti a ridosso della Italcementi, di trovare un momento di pace e di riposo nel proprio habitat familiare.
Molte famiglie, anche quelle che da pochissimo tempo hanno investito nei nuovi insediamenti, adiacenti alla Italcementi, non possono utilizzare un terrazzo, aprire una finestra, esporre una pianta sul balcone.
I Cittadini di Isola sono interessati a capire quali sono i controlli effettuati sui camini della Italcementi. In un paio di occasioni abbiamo visto la centralina mobile dell’Arpa, che stazionava al campo sportivo, Per fare cosa? Quali sono stati i risultati delle rilevazioni? Il Sindaco dichiara che i dati in suo possesso sono “alquanto preoccupanti”. Quali sono i provvedimenti adottati dal Sindaco a fronte di questa “preoccupante situazione dal punto di vista sanitario”?
Noi Cittadini di Isola delle Femmine, abbiamo come la sensazione di essere stati abbandonati.

La presenza di questo insediamento cementifero alle porte di Isola delle Femmine, e vicino a numerose abitazioni, ci inquieta.
Siamo stanchi di questi episodi che si ripetono ciclicamente e temiamo l’emissione di polveri, che oggi, ieri, l’altro ieri, la settimana scorsa, il mese scorso o l’altro anno e che a volte vengono evidenziate dalla pioggia, ma di cui di solito non ci accorgiamo».
Alcune segnalazioni di Cittadini dipedenti della Italcementi , che lavorano la notte hanno come contenuto delle dichiarazioni che qualora fossero vere rischierebbero di evidenziare una condotta con profili di responsabilità di diversa natura e assai grave, viene sostanzialmente denunciato che nelle fasce d’orario tra le ore 2,00 e le 5,00 la fuoriuscita di fumo è di gran lunga maggiore rispetto a quella a cui normalmente assistiamo;
Chiediamo un concreto accertamento della questione perché non vorremmo che si approfitti della notte per utilizzare carburanti nocivi e specificatamente il PET-COKE.
Riteniamo che sia importante controllare se, adesso che alla Italcementi è stato impedito l’uso del PET-COKE se residui tale sostanza all’interno dello stabilimento, ciò in quanto non vi è più alcuna ragione di trovarlo all’interno visto la sentenza n. 1156 del 19 aprile 2007 del TAR SICILIA, Palermo, Sez. I, atto ad impedirgli definitivamente il suo utilizzo.

Il Comitato Cittadino con i cittadini di Isola delle Femmine chiedono la disponibilità a valutare sia i danni immediati, sia la situazione generale circa l’emissione di polveri e di rumori. Rumori causati da ripetute detonazioni.
Non possiamo più perdere tempo con analisi e "nasi elettronici", dobbiamo affrontare in modo radicale la presenza della Italcementi (AZIENDA CONSIDERATA DALLA LEGGE e DALLA GIURISPRUDENZA INSALUBRE) che produce un livello di emissioni in atmosfera, superiori a quelle del traffico veicolare di una grande metropoli.
Molti cittadini residenti, esasperati, denunciano un elevato livello di inquinamento acustico non superabile nemmeno a finestre e porte degli appartamenti sprangati.
Il tutto accompagnato da persistenti e pericolose vibrazioni che destano gravi preoccupazioni per la stabilità e tenuta degli appartamenti stessi.
Per aree come la nostra non bastano monitoraggi adeguati, sono urgenti provvedimenti per ridurre drasticamente le emissioni in atmosfera, l’inquinamento acustistico e le vibrazioni del sottosuolo.

Tutto questo avviene senza aver acquisito nessuna certezza sul livello di inquinamento attuale.
Ad oggi tutte le nostre richieste sono state ignorate. Ad onor del vero ultimamente il Sindaco ha tentato un tavolo di concertazione per tentare di chiedere e risolvere i problemi da noi posti, ma ci pare che anche Lui abbia le mani legate, siamo certi che codeste Autorità edite accerti come stanno i fatti di cui ne riformuliamo i quesiti:

-No alle emissioni inquinanti in atmosfera che arrecano danno alla Salute umana,
-No alle emissioni acustiche a cui siamo in maniera permanente sottoposti e che tanto danno arrecano al nostro stato di salute psico-fisico;
-No alle vibrazioni che può mettere in pericolo la stabilità delle nostre case;
-Monitoraggio in continuo e visibile in tempo reale dai cittadini.
- Indagine epidemiologica sullo stato di salute della cittadinanza, con particolare riguardo alla incidenza delle malattie tumorali.
-Studio per avviare un programma di risanamento ambientale.

A conferma della rilevanza del problema diverse associazioni e liberi Cittadini di Isola delle Femmine e di Capaci hanno deciso di sostenere la lotta del Comitato Cittadino Isola Pulita.
Fiduciosi attendiamo un sino ad oggi denegato riscontro, tanto dovevamo.
Per il Comitato Cittadino Isola Pulita


Giuseppe Ciampolillo

http://isolapulita.splinder.com/







IL SINDACO ALL'UNIONE DEI COMUNI:
IL DIPARTIMENTO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI PALERMO COMUNICA I DATI SULLE EMISSIONI IN ATMOSFERA CHE INDICANO UNA SITUAZIONE DI SERIA PREOCCUPAZIONE PER L'INQUINAMENTO ATMOSFERICO A ISOLA DELLE FEMMINE "TROPPE POLVERI ULTRASOTTILI

Il Comitato Cittadino Isola Pulita chiede i dati delle analisi effettuate dal D.A.P.

Isola delle Femmine 19.04.07


Comitato Cittadino Isola Pulita
Referente a Isola delle Femmine
Coordinamento Comitati Cittadini Siciliani
Registrato 19.1.07 Protocollo 2007001030,
n° progressivo 2007000376
Via Sciascia 13
90040 Isola delle Femmine PA

protocollo n 4558 del comune di Isola delle Femmine 17.04.2007
Al Signor Sindaco Comune
Isola delle Femmine

p.c. Al Segretario Comunale Comune
Isola delle Femmine
fax0918677098

p.c. Al Sig. Arch D’arpa
Responsabile dell’U.T.C
Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Presidente Consiglio
Comunale Comune
Isola delle Femmine


p.c. Al Sig. Capo del Gruppo Consiliare
“INSIEME”
Comune
Isola delle Femmine


Al Sig. Capo Gruppo Consiliare
“ISOLA DEMOCRATICA”
Comune
Isola delle Femmine

Al Sig. Capo Gruppo Consiliare
”ISOLA PER TUTTI”
Comune
Isola delle Femmine



Oggetto: accesso agli atti


Il Sottoscritto Giuseppe Ciampolillo, in qualità di Coordinatore del Comitato Cittadino Isola Pulita

PRESO ATTO

di quanto fissato dalla Convenzione di Aarhus del 1998 che prevede:
-Il diritto di accesso del pubblico alle informazioni ambientali
-Il diritto del pubblico di influenzare le decisioni ambientali
-Il diritto del pubblico di accesso alla giustizia

PRESO ATTO

-D.L. 59/05 in materia di “prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento, proveniente dalle attività IPPC atti a conseguire “un elevato livello di protezione dell’ambiente nel suo complesso”, facendo modo di evitare oppure, “qualora non sia possibile, ridurre le emissioni delle attività nell’ambiente (acqua, aria, suolo etc)”. La prevenzione e la riduzione che hanno come aspetto fondamentale l’impatto sull’ambiente e sulla salute, trovano il loro coordinamento con la normativa SANITARIA. Vale la pena rammentare a tal proposito che nell’ambito della conferenza dei servizi inserita nell’iter autorizzativo “devono essere acquisite le prescrizioni del Sindaco di cui agli articoli 216 e 217 del regio Decreto 27 luglio 1934 n 1265” (sentenze del Consiglio di Stato sez. n 67 del 5.2.1985 n 766 del 15 febbraio 2001 e n 212 del 19 febbraio 1996).
-Comma 7 art 7 D.L 59/05 che trattasi dei momenti più critici e “meno gestibili” di un impianto industriale, a dimostrazione dell’evidente importanza di introdurre, da parte dell’Autorità competente, prescrizioni specifiche a tutela dell’ambiente e della salute,
“….applicare ad impianti, localizzati in una determinata area, misure più rigorose di quelle ottenibili con le migliori tecnologie disponibili, al fine di assicurare in tale area il rispetto delle norme di qualità ambientali. Il Sindaco può prescrivere nelle autorizzazioni intergrate ambientali misure supplementari più rigorose…..”
“….l’autorizzazione integrata ambientale contiene le norme relative alle condizioni diverse da quelle del normale esercizio, in particolare per le fasi di avvio e di arresto dell’impianto, per le emissioni fuggitive, per i malfunzionamenti, e per l’aresto definitivo dell’impianto”.

Presa visione di quanto ha affermato l’ARPA nel prot 9944173 12.12.2005 relativo al sopralluogo presso la ITALCEMENTI di Isola delle Femmine
-…..che viene utilizzato il petcoke quale combustibile di alimentazione del Molino Crudo 3 (P.E. E14- macinazione di argilla, sabbia e calcare per la produzione di farina) e del forno 3 (P.E. E35- forno di cottura di farina per la produzione di clinker).
-….la Italcementi S.pa. dichiara che il petcoke viene trasportato dal porto di Palermo trimestralmente, mediante automezzi e stoccato all’interno della ex cava denominata Raffo Rosso;
-…..da Raffo Rosso raggiunge attraverso automezzi il Capannone Materie Prime dello stabilimento dove subisce un processo di macinazione (P.E. E21) e stoccaggio in sili (P.E. E15, E22, E23) prima dell’utilizzo di cui sopra.
-….all’interno del capannone materie prime (Petcoke, Clinker, Argilla, Perlite, Gesso, Sabbia, Calcare) (adiacenze P.E. E43 ed E45) viene effettuato stoccaggio e movimentazione a mezzo gru a ponte di materiale pulverulento che produce una emissione diffusa. Si evidenzia altresì che parte del capannone risulta aperto verso l’esterno come da rilievi fotografici.


Il Comitato Cittadino Isola Pulita Chiede:
-di prendere visione di tutti gli atti e prescrizioni adottati, per salvaguardare l’ambiente e la salute dei Cittadini.

-di prendere visione, di quanto trasmessoVi dalla Italcementi:

* sulla calendarizzazione delle fermate programmate dei forni,
* le informazioni trasmessoVi dalla Italcementi su eventuali fermate, non programmate dei forni e loro durata”
* le informazioni riguardanti le date, le modalità ed i percorsi relativi al trasporto del pet-coke;
* gli accorgimenti adottati da questo Ente per informare e salvaguardare i cittadini abitanti nelle immediate adiacenze del capannone materie prime, dalla fuoriscita delle emissioni prodotte dal materiale pulverulento, causato dalla movimentazione e stoccaggio del pet-coke all’interno del capannone risultato essere aperto verso l’esterno;
* forme, modalità e atti prodotti da questo Ente volti ad informare adeguatamente i cittadini di Isola delle Femmine.

La richiesta in ottemperanza di dispositivi di Leggi (241/90*), 2119/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 settembre 1998, L.R. 10/91 e dello Statuto Comunale in vigore nel Nostro Comune.
Resto in attesa di cenno di riscontro, nelle forme con le modalità e nei tempi previsti dai dispositivi di legge.


Giuseppe Ciampolillo
Isola Pulita
Via Sciascia 13
90040 Isola delle Femmine


Isola delle Femmine 17.04.2007

Il documento si compone di pagine tre

Appena inziate a rispondere andiamo avanti con le altre domande o richieste già formulate grazie.

Nessun commento:

Posta un commento